a vapore

Prodotti

Cottura a vapore

La vaporiera

Per cucinare il cibo in un modo più sano e leggero la scelta migliore è adoperare il vapore; questo è possibile utilizzando un apparecchio, indispensabile al giorno d’oggi nelle nostre case, la vaporiera.
Mangiare non è più considerata solo una necessità ma, è, sempre più spesso, l’esigenza di soddisfare il gusto dando importanza alla freschezza, alla genuinità e a come presentare le pietanze. Con la vaporiera riusciamo a soddisfare tutte le nostre esigenze perché ci permette di conservare al meglio tutte le qualità della carne, del pesce, della verdura e della frutta mantenendone intatto il colore, la consistenza, il contenuto di vitamine e il gusto.
Cucinare non è mai stato così semplice soprattutto seguendo i consigli del ricettario vaporiera elettrica, solitamente contenuto nell’elettrodomestico, o cliccando su internet, vaporiera ricette; menù sfiziosi e appetitosi ma soprattutto sani.

Come si cucina al vapore lo spiegheremo più avanti ma intanto possiamo dire che quasi tutti gli alimenti possono essere cotti nella vaporiera. Risotti, zuppe e molto altro ancora.  Le verdure al vapore sono eccezionali, e, oltre a mantenere tutte le vitamine e i sali minerali, mantengono una consistenza e un sapore che con altre cotture generalmente perdono. Quando si dice “quasi” è perché si sconsiglia la cottura a vapore per le verdure più amare, come i cavoli, ma solo se si preferisce perdere questo sapore che non a tutti piace e che, nella cottura in acqua, si disperde. Le verdure surgelate non devono essere scongelate prima della cottura.

Per quanto riguarda il pesce, anche questo alimento ha una resa ottima; ci sono ricette per vaporiera a base di pesce veramente da leccarsi i baffi, zuppe, spiedini, pesci interi o a tranci che possono essere insaporiti con l’infusore di aromi, dove vengono inserite le spezie. Il pesce surgelato non necessita di essere scongelato prima della cottura; basta allungare un po’ i tempi di cottura di circa il 10%.
Per quanto riguarda la carne, non tutti i tagli, rispetto ad altre cotture, sono altrettanto appetitosi; si consiglia soprattutto la carne tenera e poco grassa o quella bianca. Si consiglia di lavarla e asciugarla con la carta da cucina per ridurre al minimo la perdita di liquidi durante la cottura. Ci sono delle ricette molto sfiziose fatte con il galletto, il tacchino o con il pollo.

Si possono cuocere a vapore anche le uova sode ma, in questo caso, non c’è molto vantaggio in quanto ci vuole più tempo e, nella cottura tradizionale non si perdono comunque i valori nutrizionali grazie al guscio. 

Per insaporire le pietanze, in maniera indiretta, si possono inserire nell’acqua di cottura aromi o spezie come vino bianco, alloro, limone, pepe in grani, aceto, peperoncino e altro. Attraverso il vapore gli odori salgono e in questo modo aromatizzano i cibi nei cestelli. 

Sono due i tipi principali di vaporiere presenti sul mercato, ossia la vaporiera elettrica e vaporiera a gas, o più semplicemente la pentola per cottura a vapore. Grazie a quest’ultima possiamo avere una cottura a vapore senza vaporiera elettrica. C’è, inoltre, la vaporiera microonde, che può essere inserita direttamente nell’elettrodomestico, e la vaporiera cinese, ossia la vaporiera bamboo, utilizzata dai cinesi da secoli e arrivata da qualche tempo anche in occidente. 

Digitando vaporiera Amazon si aprono tantissimi link di vaporiere di tutti i tipi e di diversi prezzi. Vaporiera Tefal, vaporiera Philips, vaporiera Braun e molte altre ancora, diverse per alcuni motivi ma tutte uguali per il principio di cottura: il vapore.

Cucinare a vapore

Sia che venga usato il metodo elettrico o che si usi una vaporiera a gas alla base della cottura a vapore c’è l’acqua. Questa viene inserita nella pentola oppure nel serbatoio del modello elettrico; una volta scaldata l’acqua si trasforma in vapore il quale salendo verso il cestello sovrastante cuoce il cibo nella maniera più naturale possibile mantenendo tutto il suo principio nutritivo.

Ciò avviene soprattutto per il semplice motivo che la pietanza non viene immersa nell’acqua, come ad esempio nella bollitura, ma viene in contatto semplicemente con il vapore che cuoce conservando il sapore del cibo. Per chi sceglie la cottura per bollitura, pensando che sia il metodo più veloce, non fa i conti con il fatto che i cibi bolliti perdano, durante la preparazione, la maggior parte dei sali minerali e delle vitamine che contengono.
Da secoli, i cinesi, utilizzano per la propria cucina, la cottura a vapore. La loro vaporiera in bamboo è stata importata, negli ultimi anni, dagli occidentali. Si tratta di un semplice cestello in bamboo che va incastrato su una pentola dello stesso diametro. Semplicemente la pentola deve essere riempita di acqua o brodo che, una volta portata ad ebollizione, evapora e cuoce i cibi.

Possiamo tranquillamente affermare che cuocere a vapore è sicuramente il metodo più semplice e salutare che si possa desiderare; adatto per qualsiasi tipo di cibo è anche un tipo di cucina veloce e pratica, in quanto, cucinare con la vaporiera, non necessita della nostra presenza fissa in cucina. 

Le vaporiere elettriche

In commercio ci sono tanti modelli di vaporiere elettriche che, pur basandosi sullo stesso principio, si differenziano innanzitutto per il prezzo, in base alla potenza, il materiale, il numero dei cestelli, gli accessori e le funzioni.

Alla base della vaporiera c’è la parte elettrica, che da la potenza all’elettrodomestico facendolo funzionare.

Sopra la parte elettrica c’è il serbatoio dove viene inserita l’acqua; l’acqua scaldandosi diventa vapore e sale verso l’alto raggiungendo i cestelli dove vengono collocati i cibi da cuocere.

Sotto ai cestelli, generalmente c’è una vaschetta dove viene raccolto il liquido di cottura.

I cestelli hanno il fondo con dei fori nei quale trapela il vapore che cuoce i cibi e dai quali scende il liquido di cottura. Molte vaporiere hanno anche un cestello di colore scuro per cuocere cibi che potrebbero lasciare tracce di colore, come, ad esempio, le carote, i pomodori, la paprika, etc.

Per la cottura del riso o delle zuppe, solitamente, c’è una vaschetta non forata nella quale vengono inseriti tutti gli ingredienti della ricetta; qui, con la cottura a vapore, si mantengono vivi tutti i sapori, per piatti gustosi e sani.

Esistono vaporiere che hanno più cestelli sovrapponibili, per cuocere contemporaneamente più cibi, senza che gli odori o i sapori si uniscano tra loro. Spesso si possono cuocere, nello stesso recipiente, cibi diversi, grazie a dei divisori che vanno inseriti o tolti a seconda della quantità dell’alimento da cuocere.

Nei modelli con più cestelli si possono inserire le spezie, nel cestello sottostante; in questo modo gli aromi salgono insaporendo le pietanze. Alcune vaporiere hanno l’infusore di aromi, un apposito contenitore dove inserire le spezie.

Sopra l’ultimo cestello viene inserito un coperchio che non fa fuoriuscire il vapore dall’interno.
A questo punto non ci resta che azionare il timer, inserendo il tempo di cottura consigliato, e, la vaporiera cucina da sola ricette gustose e salutari, dimostrandoci come cucinare a vapore possa essere semplice e veloce.

Le vaporiere a gas

Per chi non vuole una vaporiera elettrica, ma non desidera rinunciare a cucinare al vapore ricette sane e squisite, possiamo consigliare la pentola cottura a vapore.

La vaporiera a gas è un tegame, generalmente di alluminio, in pyroflam o acciaio inox, formato da una pentola che contiene l’acqua e uno o più cestelli sovrapponibili dove va inserito il cibo. Infine c’è un coperchio che intrappola il vapore. A questo punto necessita semplicemente di una fonte di calore, a gas o elettrica, per scaldare l’acqua.

La differenza con la vaporiera elettrica è che la pentola a vapore si riscalda più lentamente e quindi impiega più tempo a cuocere; inoltre non ha un timer e per questo dobbiamo tenere sotto controllo noi il tempo di cottura. Per il resto hanno la stessa funzione e lo stesso principio: una cucina sana e leggera.

Modelli in evidenza

blog

Ricette e approfondimenti

Patate e merluzzo al vapore

Ricetta cuori di merluzzo e patate al vapore, un piatto sano e leggero per le nostre diete, perfetto anche per i nostri bambini

Broccoli al vapore

Come tutte le verdure anche i broccoli baresi sono ottimi cotti al vapore perché mantengono tutto il gusto e i principi nutritivi

Consigli

Tempi di cottura al vapore

La cottura a vapore è, in genere, più lunga della cottura per bollitura. All’interno delle vaporiere ci sono, solitamente, dei libretti che contengono i tempi cottura a vapore consigliati